Statuto AIR - AIR SpazioMusica

?
Vai ai contenuti

Menu principale:

Statuto AIR

AIR SpazioMusica
 
 
 
 


SCRITTURA PRIVATA RECANTE COSTITUZIONE DELLA
"ASSOCIAZIONE INSTALLATORI RIUNITI - SPAZIO MUSICA"



Tra i sottoscritti:

-BOSCO Antonio,
-VOTTERO Riccardo, n
-EVANGELISTI Marco,
-MONTI Andrea,
-BINELLO Giancarlo,

-GIANELLI Gianluca,
-GARBACCIO Massimiliano,
-GRIGNAFFINI Mauro,

Tutti cittadini italiani, si conviene e si stipula quanto segue:

Detti comparenti, con il presente atto stipulato e convengono quanto segue:

1) E' costituita tra i signori Bosco Antonio, Vottero Riccardo, Evangelisti Marco, Monti Andrea, Binello Giancarlo, Gianelli Gianluca, Garbacelo Massimiliano e Grignaffini Mauro una associazione denominata:"ASSOCIAZIONE INSTALLATORI RIUNITI - SPAZIO MUSICA",siglabile "AIR. - SPAZIO MUSICA".

2) L'associazione ha sede in Barge (CN), via Bagnolo numero 35.

3) L'associazione ha lo scopo di promuovere, collaborare, organizzare, concorrere alla diffusione del "suono" in ogni sua possibile forma nel rispetto delle Leggi dello Stato. Per il raggiungimento degli scopi l'Associazione agirà con ogni mezzo di promozione ritenuto idoneo ed in particolare mediante l'organizzazione e la partecipazione a  manifestazioni, concorsi, corsi, convegni e incontri atti a sensibilizzare l'opinione pubblica alle finalità associative. Detta associazione è apolitica e non ha fini di lucro.

4)L'associazione è retta dalle norme dello statuto, composto di numero quarantasei (46) articoli, che si allega al presente atto sotto la lettera "A" per farne parte integrante e sostanziale.
5) Il Consiglio Direttivo per il primo triennio, e così sino al 31 dicembre 2000, viene nominato nelle persone dei signori:

MONTI Andrea   Presidente
VOTTERO Riccardo   Vice Presidente
BOSCO Antonio  Segretario
EVANGELISTI Marco Cassiere
GIANELLI Gianluca   Consigliere

6) In deroga alle norme statutarie il Collegio dei Probiviri per il primo triennio, e così sino al 31 dicembre 1999, viene nominato nelle persone dei signori: BINELLO Giancarlo, GARBACCIO Massimiliano e GRIGNAFFINI Mauro.

7) L'ammontare della quota di iscrizione dei soci che entreranno a far parte dell'associazione durante il primo anno viene determinato in L. 150.000 (lire cento cinquantamila).

8) Il Presidente del Consiglio Direttivo viene autorizzato a compiere tutte le pratiche necessarie per il conseguimento del riconoscimento dell'Associazione presso le autorità competenti ed ogni altro necessario; ai soli effetti di cui sopra il Consiglio Direttivo viene facoltizzato ad apportare all'atto costitutivo ed all'allegato Statuto quelle modifiche che venissero richieste dalle competenti autorità.

9) Imposte e spese del presente atto e delle dipendenti formalità sono a carico dell'associazione.

REPERTORIO N. 63600

AUTENTICAZIONE DI FIRME
Certifico io sottoscritto dottor LORENZO TURTURICI, notaio in Saluzzo, iscritto presso il Collegio Notarile dei Distretti Riuniti di Cuneo, Alba, Mondovi e Saluzzo, che previa espressa e concorde rinuncia all'assistenza dei testimoni fatta dai firmatari con il mio consenso
BOSCO ANTONIO
VOTTERO RICCARDO
EVANGELISTI MARCO
MONTI ANDREA
BINELLO GIANCARLO
GIANELLI GIANLUCA
GARBACCIO MASSIMILIANO
GRIGNAFFINI MAURO
della cui identità personale io notaio sono certo, hanno apposto la  loro sottoscrizione di proprio pugno ed alla mia, presenza In calce alla su estesa scrittura.
Saluzzo, lì 17 febbraio 1998.

ALLEGATO "A"

STATUTO SOCIALE

COSTITUZIONE-DENOMINAZIONE-SCOPO-DURATA

ARTICOLO 1
L'ASSOCIAZIONE INSTALLATORI RIUNITI - SPAZIO MUSICA", siglabile
"AIR. - SPAZIO MUSICA", è una associazione che ha lo scopo di promuovere,
collaborare, organizzare, concorrere alla diffusione del "suono" in ogni sua possibile
forma nel rispetto delle Leggi dello Stato.
Per il raggiungimento degli scopi l'Associazione agirà con ogni mezzo di promozione
ritenuto idoneo ed in particolare mediante l'organizzazione e la partecipazione a
manifestazioni, concorsi, corsi, convegni e incontri atti a sensibilizzare l'opinione
pubblica alle finalità associative.
Sempre per il raggiungimento dei propri scopi l'Associazione può collaborare sotto
qualsiasi forma con altri organismi similari sia nazionali che esteri.
L'Associazione è apolitica e non ha fini di lucro.

ARTICOLO 2
La durata della associazione è indeterminata.

ARTICOLO 3
L'associazione ha sede in Barge, via Bagnolo numero 35.

Il Consiglio Direttivo ha facoltà di variare la sede sociale e istituire altre sedi, nonché sezioni e gruppi,  ed ogni altra forma organizzativa periferica,  che possa essere
necessaria o utile al conseguimento degli scopi associativi.

ARTICOLO 4
Il simbolo è quello prescelto dai soci fondatori.

ARTICOLO 5
Soci possono essere tutti i maggiori di diciotto anni che, osservate le norme relative
alla ammissione dei soci, vengono a far parte dell'associazione. Essi sono tenuti al
pagamento delle quote sociali stabilite dal Consiglio Direttivo ed all'osservanza degli
altri obblighi in seguito specificati.
Costituzione - sospensione - variazione - scioglimento del rapporto sociale.

ARTICOLO 6
Per essere a far parte dell'associazione gli aspiranti debbono:
a) essere di specchiata moralità,
b) accettare incondizionatamente il presente Statuto ed uniformarsi alle sue clausole, nonché alle prescrizioni dell'eventuale regolamento emanato a cura del Consiglio Direttivo ed affisso nella Sede Sociale.

ARTICOLO 7
Chiunque desideri essere ammesso nella associazione deve fare domanda al Consiglio Direttivo. Con la domanda si obbliga ad assumere incondizionatamente tutti i doveri ed impegni di socio.

ARTICOLO 8
I soci dell' associazione si distinguono in:
Fondatori, Ordinari, Sostenitori e Onorari.
Sono    SOCI   FONDATORI   coloro    che   hanno   partecipato   alla   costituzione
dell'associazione.
Sono SOCI ORDINARI coloro che facciano domanda e che la stessa venga accolta dal
Consiglio Direttivo; i soci Ordinari devono essere in regola con la quota sociale, pena
la decadenza della qualifica di socio.
Sono SOCI SOSTENITORI coloro che effettuano donazioni a titolo personale e che il
Consiglio  Direttivo   stabilisca  la  grande  utilità  di  dette  donazioni  per  il  bene dell'associazione stessa.
Sono   SOCI  ONORARI  quelli  nominati  dal  Consiglio  Direttivo  per  particolari
benemerenze.
Al momento dell'adesione i soci si obbligano ad assolvere tutti i doveri ed impegni di
socio, cosi come risultano dallo Statuto e dai Regolamenti Sociali ed eventualmente Federali.
L'elenco dei soci dovrà essere sempre esposto nella Sede Sociale, affinché tutti
possano prenderne visione.

ARTICOLO 9
Le ammissioni sono di esclusiva competenza del Consiglio Direttivo, il quale, tenuto
conto delle informazioni del caso, prende le opportune deliberazioni che sono inappellabili.

ARTICOLO 10
Il socio che non osservi lo Statuto, l'eventuale Regolamento e le disposizioni emanate dal Consiglio Direttivo nell'ambito dei suoi poteri, si renda responsabile di infrazioni disciplinari o comunque nuoccia col suo comportamento al buon nome dell'associazione , può essere sospeso dall'esercizio dei diritti di socio per una durata non superiore a sei mesi, fermi restando tutti i suoi obblighi sociali. Il socio ha facoltà di ricorrere al Collegio dei Probiviri entro il termine stabilito dall'articolo 37.

ARTICOLO 11
Il rapporto sociale si estingue:
a) con la morte del socio,
b) con le dimissioni del socio stesso,
c) con la radiazione del socio per morosità,
d) con la espulsione.

ARTICOLO 12
I soci che vogliono dimettersi dovranno inviare lettera di dimissioni e non avranno diritto al rimborso delle quote sociali già pagate.

ARTICOLO 13
Il socio che resti arretrato col pagamento delle quote scadute per un periodo non inferiore a tre mesi, che non adempia all'obbligo relativo entro il termine di giorni
trenta dalla ricezione di formale invito di pagamento fattogli dal Presidente con lettera raccomandata, è senz'altro radiato per morosità dall'albo dei soci.

Diritti - doveri dei soci.

ARTICOLO 14
I soci hanno diritto a partecipare alla vita dell'associazione ed a stabilirne la struttura ed indirizzo mediante il voto espresso in assemblea.
Tutti i soci hanno (articolo 4 DPR 633/72) uguale diritto di voto per l'approvazione e le modificazioni dello Statuto e dei regolamenti, nonché per la nomina degli organi direttivi, così come hanno eguale diritto a ricevere, nei casi di scioglimento della associazione, una quota del patrimonio sociale se questo non è destinato a finalità di utilità generale.

ARTICOLO 15
Ad ogni socio viene rilasciata una tessera che lo legittima dei suoi diritti statutari ed al godimento degli eventuali vantaggi offerti dall'associazione.

ARTICOLO 16
Il socio deve:
a) mantenere specchiata condotta morale nell'ambito dell'associazione e fuori di essa;
b) versare puntualmente le quote sociali stabilite;
e) astenersi da qualsiasi atto che possa nuocere all'associazione.

ARTICOLO 17
Le tasse di amministrazione, le quote sociali, i termini di pagamento e le relative
modalità verranno fissate di anno in anno.

ARTICOLO 18
Tutte le cariche sociali sono conferite a titolo gratuito ed attribuiscono solo il diritto al
rimborso delle  spese  effettivamente  sostenute  per  conto  e  nell'interesse
dell'associazione.

Organi dell'associazione.

ARTICOLO 19
Sono organi ordinari dell'associazione:
a) l'assemblea dei soci;
b) il Presidente dell'associazione;
c) il Consiglio Direttivo;
d) il Collegio dei Probiviri.
E' organo straordinario dell'associazione: il Commissario Straordinario

Assemblea dei soci.

ARTICOLO 20
L'assemblea dei soci può essere ordinaria o straordinaria. L'assemblea ordinaria ha luogo:
a) ogni anno entro il 30 giugno per l'approvazione del rendiconto presentato dal Consiglio Direttivo,nonché per quanto previsto dall'articolo 23 e per la elezione delle cariche sociali.
b) quando il Consiglio Direttivo ritenga opportuno convocarla per discutere questioni
sociali di ordinaria e straordinaria amministrazione,
e) quando il Consiglio Direttivo sia dimissionario;
d) quando un quinto almeno dei soci ne richieda la convocazione al Consiglio Direttivo
specificando gli argomenti da porre all'ordine del giorno.

ARTICOLO 21
La convocazione dei soci per le assemblee ordinarie e straordinarie sarà fatta per lettera
semplice nonché per affissione nella Sede Sociale. L'avviso di convocazione dovrà
essere inviato od affisso almeno otto giorni prima della data stabilita e dovrà specificare
gli argomenti all'ordine del giorno.
Qualora il Consiglio Direttivo non provveda tempestivamente alla convocazione delle
assemblee ordinarie e straordinarie richieste dai soci entro trenta giorni da tale
richiesta, la convocazione potrà essere indetta dal Collegio dei Probiviri.
In caso di dimissioni del Consiglio Direttivo, l'assemblea straordinaria deve essere
convocata entro trenta giorni  dalla data delle dimissioni,  a cura del  Consiglio
dimissionario o, in difetto, dagli organi specificati nel comma precedente.

ARTICOLO 22
Alle assemblee possono intervenire tutti i soci in pari col pagamento delle quote sociale

ARTICOLO 23
L'assemblea ordinaria annuale ha per oggetto:
a) la discussione sulla relazione amministrativa del Consiglio Direttivo;
b) la discussione del preventivo e del rendiconto finanziario;
c) la discussione su ogni altro argomento di ordinaria amministrazione posto all'ordine
del giorno;
d) la elezione delle cariche sociali (Consiglio Direttivo e Collegio dei Probiviri).
E' in facoltà dei soci, purché la relativa richiesta sia presentata al Consiglio Direttivo
con lettera raccomandata sottoscritta da almeno quindici soci entro il trenta giugno di
ogni anno, ottenere la inclusione di argomenti all'ordine del giorno.

ARTICOLO 24
L'assemblea sarà regolarmente costituita in prima convocazione con la presenza di
almeno la metà più uno dei soci. Trascorsa un'ora da quella fissata per la prima
convocazione l'assemblea si intenderà validamente costituita in seconda convocazione
qualunque sia il numero dei soci presenti.

ARTICOLO 25
L'assemblea viene  presieduta  dal Presidente  dell'associazione  e  procede  subito
all'elezione dei Segretario.

ARTICOLO 26
Le deliberazioni dell'assemblea saranno prese a maggioranza semplice, fatta eccezione per le deliberazioni eventualmente concernenti la trasformazione,
fusione o scioglimento dell'associazione e le modifiche dello Statuto,che dovranno esser approvate col voto favorevole di almeno due terzi dei soci presenti.
Le deliberazioni di cui sopra dovranno essere prese in assemblea straordinaria.
Tutte le deliberazioni debbono constare dal verbale sottoscritto dal Presidente e dal
Segretario dell'assemblea e debbono essere trascritte nell'apposito registro.

ARTICOLO 27
Le  votazioni  dell' assemblea  avverranno,   ad  insindacabile   scelta  del  Presidente
dell'assemblea, per alzata di mano, per appello nominale o con voto segreto.
Su richiesta della maggioranza semplice dei votanti il Presidente dovrà però indire la
votazione segreta.

Presidente dell'associazione.

ARTICOLO 28
Il Presidente dell'associazione eletto in seno al Consiglio Direttivo rappresenta, anche
agli effetti di legge, l'associazione stessa; convoca il Consiglio Direttivo, ne presiede le
adunanze e ne firma le deliberazioni; firma il preventivo ed il rendiconto annuale da
presentare ai soci; vista, di regola, la corrispondenza; dichiara aperte le assemblee.
In caso di sua assenza o temporaneo impedimento le sue funzioni sono esercitate dal   
Vice Presidente eletto in seno al Consiglio Direttivo o, in difetto, dal Consigliere più
anziano.

Consiglio Direttivo.

ARTICOLO 29
L'associazione è diretta ed  amministrata da un Consiglio Direttivo  liberamente eleggibile, composto da non meno di cinque consiglieri,
eletti a norma degli articoli 20 e 23 del presente Statuto.

Il Consiglio Direttivo dura in carica tre anni ed i suoi membri sono rieleggibili.
Esso elegge nel suo seno:
a) Il Presidente;
b) Un Vice Presidente;
c) un Segretario;
d) un Cassiere.

ARTICOLO 30
Al Consiglio Direttivo sono devolute le attribuzioni inerenti:
a) funzionamento tecnico, amministrativo ed organizzativo dell'associazione;
b) pagamento e riscossione dei debiti e crediti;
c) compimento di tutti gli atti necessari all'acquisizione dei fondi per il funzionamento
dell'associazione.

ARTICOLO 31
Il Consiglio si riunisce ad iniziativa del Presidente o su richiesta di almeno due consiglieri.
Il Consiglio Direttivo, qualora lo ritenga opportuno, potrà invitare, a scopo consultivo,
alle sue riunioni persone particolarmente competenti sugli argomenti da discutere.  
Le adunanze del Consiglio Direttivo saranno valide con l'intervento personale della
maggioranza dei consiglieri.
Il consigliere che, senza giustificato motivo, non intervenga a tre riunioni consecutive,
potrà essere ritenuto dimissionario dal Consiglio.
Le deliberazioni del Consiglio Direttivo verranno prese a maggioranza semplice e debbono essere verbalizzate nell'apposito libro sociale dal Segretario.

ARTICOLO 32
I  componenti  del   Consiglio  Direttivo, nell'interesse   dell'associazione,potranno assumere, volendo, obbligazioni in proprio, fornire garanzie, effettuare sovvenzioni e prestiti,   qualora  l'esistenza  di  interessi  dell'associazione  in  tale  operazione  sia riconosciuta da un voto del Consiglio Direttivo.

ARTICOLO 33
Nel caso di dimissioni del Consiglio Direttivo, durante il periodo intercorrente fra tali dimissioni e la nomina del nuovo Consiglio Direttivo, o eventualmente del Commissario Straordinario, il Consiglio dimissionario resta in carica per il disbrigo degli affari di ordinaria amministrazione.

ARTICOLO 34
Si considera dimissionario l'intero Consiglio Direttivo qualora siano dimissionari almeno la metà più uno dei Consiglieri.

ARTICOLO 35
Al momento della sua entrata in carica il nuovo Consiglio Direttivo dovrà liberale i membri del Consiglio cessato, decaduto o dimissionario, da tutte le obbligazioni in proprio da costoro  assunte e dalle garanzie da essi fornite nell'interesse dell'associazione, fatta eccezione per le obbligazioni e garanzie che in Consiglio Direttivo subentrante ritenga di dover contestare nel termine perentorio di trenta giorni dalla sua entrata in carica effettiva.
Ogni decisione in merito alle obbligazioni contestate sarà demandata ai Probiviri, i quali
dovranno rendere il loro lodo entro sessanta giorni. Tale lodo s'intende inappellabile.
Ove il Consiglio Direttivo subentrante non liberi i membri del Consiglio cessato dalle
obbligazioni non contestate o non ottemperi alle decisioni del lodo dei Probiviri, esso
sarà considerato dimissionario di diritto e si procederà a nuove elezioni,  o,  se
necessario, alla nomina di un Commissario Straordinario.

Il Segretario.

ARTICOLO 36
Il Segretario redige i verbali, attende alla corrispondenza, cura la tenuta del libro dei
soci, trasmette gli inviti per le adunanze del Consiglio e le assemblee, tiene aggiornata
la contabilità e dovrà ognora renderne conto al Presidente ed al Consiglio Direttivo.
In assenza del Segretario i verbali delle riunioni del Consiglio verranno redatti dal
consigliere più giovane.

Collegio dei Probiviri.

ARTICOLO 37
L'assemblea ordinaria nomina tra i soci il Collegio dei Probiviri che dura in carica tre
anni ed i cui membri sono rieleggibili. Esso è composto di tre membri.
Il Collegio dei Probiviri ha la funzione di riesaminare in seconda istanza, su ricorso dei
soci interessati, i provvedimenti del Consiglio Direttivo in materia disciplinare, nonche
quanto previsto dall'articolo 35.
Il ricorso dovrà essere presentato, con i motivi, entro trenta giorni dalla comunicazione
del provvedimento all'interessato.
Le deliberazioni del Collegio dei Probiviri dovranno essere emanate nel termine,
massimo di trenta giorni dalla presentazione del ricorso e comunicate per conoscenza al     
Consiglio Direttivo ed ai soci interessati, entro sessanta giorni, per quanto previsto
dall'articolo 35.
Il dispositivo della deliberazione sarà affisso nella sede sociale.

Commissario Straordinario.

ARTICOLO 38
Qualora l'assemblea ordinaria, od un'assemblea straordinaria, esprima a maggioranza
dei presenti un voto di sfiducia sull'operato del Consiglio Direttivo, oppure questo si
renda dimissionario, ed ove non sia possibile nominare un nuovo Consiglio Direttivo,
l'assemblea può nominare un Commissario Straordinario.

ARTICOLO 39
Il Commissario Straordinario può essere scelto anche tra i non soci. Dura in carica un
periodo massimo di sei mesi, salvo che una successiva assemblea stabilisca una proroga,
ed avrà i poteri e gli obblighi normalmente spettanti al Presidente dell'associazione ed al Consiglio Direttivo.
Il Commissario Straordinario, prima della scadenza del suo mandato, dovrà convocare l'assemblea per la nomina del nuovo Consiglio Direttivo. '
II Commissario Straordinario è tenuto alla fine del mandato a redigere il rendiconto del
periodo commissariale.

Bilancio di Previsione e Rendiconto Annuale.

ARTICOLO 40
La gestione sociale ha inizio il giorno uno gennaio di ogni anno e termina il trentuno   
dicembre dell'anno stesso.
Il Consiglio Direttivo presenterà ogni anno all'assemblea ordinaria, per l'approvazione
di cui all'articolo 23, il bilancio di previsione ed il rendimento di gestione.

ARTICOLO 41
Il Consiglio Direttivo dovrà depositare,  almeno otto giorni prima della data di
convocazione dell'assemblea, il bilancio preventivo ed il rendiconto, con tutti i relativi       
allegati, presso la Segreteria dell'associazione, consentendone l'esame a tutti quei soci
che lo richiedano.

Sanzioni Disciplinari.

ARTICOLO 42
Al socio che si renda colpevole di mancanze disciplinari potranno essere inflitte dal Consiglio Direttivo le seguenti sanzioni
a) richiamo scritto per le infrazioni disciplinari lievi;
b) sospensione dell'esercizio dei diritti del socio ai sensi dell'articolo 10 del presente Statuto,
c) espulsione.

ARTICOLO 43
Contro le decisioni del Consiglio Direttivo in materia disciplinare è ammesso ricorso al Collegio dei Probiviri.

Scioglimento e liquidazione dell' associazione.

ARTICOLO 44
Nel caso  di  scioglimento  dell'associazione,  che  dovrà essere  approvato  con la
maggioranza qualificata prevista dall'articolo 26, l'assemblea deciderà la liquidazione
dell'associazione, nominando una commissione di liquidatori composta da tre membri, scelti come segue:
un componente dell'ultimo Consiglio Direttivo,due soci.

Disposizioni generali.

ARTICOLO 45
Le norme del presente Statuto sono integrate dal Regolamento predisposto dal Consiglio Direttivo.

ARTICOLO 46
Per tutto quanto non sia previsto nel presente Statuto si fa riferimento alle disposizioni dei codice civile.


------------------------------------------------------------------
N.B. - Per motivi di privacy sono stati ommessi i dati sensibili delle persone citate.



 
 
AIR SpazioMusica © - Tutti i diritti riservati - P.I. 02638990040- Ultimo aggiornamento il 30/09/2014
Torna ai contenuti | Torna al menu

Per poter utilizzare questo sito è necessario attivare JavaScript.